Conclusa con grande successo di pubblico e di critica la prima edizione

 

CHIARA PROTANI VINCE IL PREMIO MARZIO GINNETTI

Presenti alla cerimonia di premiazione il Principe Filippo Massimo Lancellotti – Donna Elisabetta Massimo Lancellotti – Donna  Massimo Lancellotti – il barone Luca Ajroldi di Robbiate e il Marchese Andrea Pellegrini – Quarantotti

 

Nonostante l’inclemenza di Giove – Pulvio che ha messo a rischio la buona riuscita della manifestazione, si è svolta lo scorso fine settimana la prima edizione del Premio Marzio Ginnetti cardinale veliterno, Vicario di Roma di Papa Urbano VIII. Trentadue gli artisti, che hanno esposto le loro opere per disputarsi questo riconoscimento istituito dal Circolo Artistico La Pallade Veliterna per ricucire al grande libro della storia di Velletri una pagina violentemente strappata dalla guerra. Sabato pomeriggio è stata Donna Paola De Gasperi, la figlia ultimogenita dell’ On.le Alcide De  Gasperi ad inaugurare la manifestazione. Giunta accompagnata dai maestri Alvaro Mariani e Domenico Paoloni e scortata da una macchina dei vigili urbani, presso l’ Istituto Statale d’arte Juana Romani è stata accolta dal presidente del circolo Alessandro Filippi e condotta all’interno della scuola, dove ha visitato i laboratori e si è intrattenuta in affabile colloquio con insegnati e assistenti di laboratorio, che hanno illustrato le tecniche di lavorazione dei manufatti esposti. Alle 18.00 ha avuto inizio la cerimonia inaugurale, presente il Prof. Giglio Petriacci preside della Juana Romani dal 1982 al 1995. Dopo una breve introduzione storica fatta da Alessandro Filippi, alla presenza anche di una nutrita rappresentanza di ex allievi, ha preso la parola il Prof. Petriacci, che ha ricordato alcuni artisti che hanno insegnato al nostro glorioso istituto, non è mancato un omaggio all’Architetto Marcello De Rossi. Il preside Petriacci, ha poi calcato la mano sulla recente riforma che vede gli istituti d’arte lasciare il posto ai licei artistici, non risparmiando una vena polemica, la cerimonia è proseguita con il conferimento del Premio Città di Velletri alla memoria del grande italiano che fu Alcide De Gasperi, Donna Paola ha ricordato il padre, leggendo un suo intervento ai giovani fatto  nel 1951, terminata questa prima fase a piedi i presenti hanno raggiunto Piazza Cairoli dove è stato tagliato il nastro inaugurale, Donna Paola ha ricevuto in dono anche una copia del libro di Umberto Savo “ Velletri nelle sue cartoline d’epoca”. Domenica la mostra allestita fin dalle prime ore del mattino, ha visto tra gli artisti presenze illustri come Kristina Milhatovic  una artista con galleria in Via Giulia a Roma che vanta nel suo curriculum mostre in tutto il mondo, Sara Renzi , Debora Cetroni e Marina Funghi nel gruppo dei Cento Pittori di Via Margutta. Velletri non è stata certo da meno con le opere di Alvaro Mariani, Americo De Vecchis targa città di Velletri per la grafica 2012, Domenico Paoloni, targa Via Furio per la tecnica 2012, le sculture di Palmiro Taglioni, presente anche il maestro Umberto Di Vito con le opere del padre Benedetto e quelle del nipote Alessandro Cedroni. Il giudizio dei visitatori ha decretato i vincitori dei quattro premi in palio. Il Premio Cardinale Marzio Ginnetti con 37 voti è andato a CHIARA PROTANI giovane artista veliterna, allieva del liceo artistico di Grottaferrata a premiarla è stato il Principe Filippo Massimo Lancellotti in rappresentanza della famiglia che si fuse con i Ginnetti dopo il maggiorasco stipulato per il matrimonio tra Scipione Lancellotti e Olimpia Ginnetti, matrimonio mai celebrato perché la Ginnetti morì prima e la famiglia che tanto “amava” il giovane rampollo lo adottò. Il Premio Francesco Caracciolo – Ginnetti illustre esponente della famiglia che proseguì la discendenza Ginnetti, quando Giustina Lancellotti Ginnetti, sposò il Principe Giovanni Caracciolo D’Avellino, è andato con 29 voti a Piero Pugliesi ed è stato consegnato dal  marche Andrea Pellegrini – Quarantotti figlio di Mario e Vittoria Caracciolo – Ginnetti, quindi nipote del Principe Francesco. Il Premio Scipione Lancellotti e Olimpia Ginnetti è andato con 26 voti ad Alessandro Argentesi ed è stato consegnato da Donna Maria Vittoria Massimo – Lancellotti. Il Premio Donna Herniette Kellerman  Duchessa di Walmy con 23 voti è andato ad Alberto del Sette ed è stato consegnato dal Barone Luca Ajroldi di Robbiate, figlio di Eugenio e Letizia Caracciolo – Ginnetti quindi il nipote della Duchessa che era la moglie del Principe Francesco Caracciolo – Ginnetti. La serata è finita presso la sede del Circolo, ospitata nei locali di Arcadia Ars in Vicolo dello Stillo 2, dove i presenti hanno potuto ammirare le creazioni del maestro Angela Mauro un artista originaria di Reggio Calabria da tempo residente a Velletri, che vive d’arte, animando un mondo fatto di forme armoniose e fresche di luce. Non sono mancate le adesioni di quelle firme storiche del circolo come Gisella Caravà con bottega in Via S. Crispino che è tornata ad esporre i suoi oli affascinanti nei colori e nelle forme, Antonio Calcagni vicepresidente onorario del Circolo con due opere visioni di una Roma ormai sparita, Maurizio Orsolini già insegnante presso l’ Istituto d’arte. Un grazie veramente a tutti dagli sponsor agli artisti, senza di loro non avremmo potuto fare nulla, un grazie per la sua presenza al Consigliere Fabio Taddei e all’amministrazione comunale per la collaborazione, un abbraccio e un grazie all’Associazione delle Arti di Priverno e al suo presidente Alessandro Paglia per la presenza, occasione forviera per future collaborazioni Appuntamento al 23 Novembre per la 6° Rassegna Nazionale d’Arte Sacra premio Croce Veliterna








Commenti

Post popolari in questo blog

la storia che celebreremo con Velletri Expo